Vai al contenuto
Crema solare: qual è la differenza tra filtro fisico e chimico?

Crema solare: qual è la differenza tra filtro fisico e chimico?

Protezione Solare Fisica vs. Chimica: ad ognuno il suo SPF

Ecco come scegliere la migliore crema solare per la tua pelle.

La crema solare fisica utilizza polveri minerali che si posano sulla parte superficiale della pelle e riflettono i raggi UV senza penetrare nella pelle e risultando più sicura per le pelli sensibili o irritate.

La protezione solare chimica utilizza ingredienti che si assorbono e trasformano i raggi UV in calore attraverso una reazione chimica. Per la sua versatilità e leggerezza è generalmente la tipologia di SPF più utilizzata ma meno adatta alla pelle sensibile e a quella dei bambini.

La differenza tra protezione solare fisica vs. chimica

Esistono due tipologie di protezione solare: fisica e chimica. Entrambe hanno proprietà e benefici unici che aiutano a proteggere la pelle dai raggi UV.

Protezione solare fisica

Come funziona

  • Utilizza minerali che si posano sullo strato superficiale della pelle e riflettono i raggi UV
  • Aiuta a proteggere dai raggi UVA, UVB e dalla Luce Blu
  • Protegge non appena viene applicata, non è quindi necessario attendere prima di esporsi alla luce del giorno
  • Tende ad essere meno waterproof, quindi va applicata con maggiore frequenza
  • È generalmente confortevole per tutti i tipi e condizioni di pelle, in particolare per le pelli sensibili. La vecchia generazione di creme protettive fisiche non era adatta a fototipi più scuri per la patina bianca che lasciavano; le creme con filtri fisici di ultima generazione come Invisible Physical Defence SPF30, hanno un complesso micronizzato ultratrasparente che non lascia residui e pertanto sono adatte a tutti i fototipi

Ideale per

Tutti i tipi di pelle, incluse quelle sensibili e sensibilizzate.

I vantaggi

La protezione solare fisica, chiamata anche crema minerale, si posa sullo strato superficiale della pelle. La maggior parte dei filtri solari fisici lascia un residuo bianco o colorato sulla pelle, ma le nuove formulazioni come quella dell’Invisible Physical Defence SPF30, sono state rese ultra trasparenti per aiutare a prevenire l’effetto gessoso. Per identificare questo tipo di protezione solare, cerca la parola "minerale" o "fisico", nonché ingredienti attivi come Ossido di Zinco o Biossido di Titanio.

Protezione solare chimica

Come funziona

  • Utilizza ingredienti chimici che assorbono e trasformano i raggi UV in calore
  • Aiuta a proteggere dai raggi UVA e UVB ma non dalla Luce Blu
  • Ha bisogno di tempo per risultare efficace – dai 15 ai 30 minuti – e pertanto bisogna attendere prima di esporsi alla luce del giorno
  • È generalmente percepita più confortevole su tutti i tipi di pelle
  • Tende ad essere maggiormente resistente all’acqua e al sudore

Ideale per

Tutte le tipologie di pelli ad eccezione di quelle sensibili, persone con uno stile di vita attivo.

    I vantaggi

    Le creme solari chimiche come Prisma Protect SPF 30, Solar Defense Booster SPF 50, Dynamic Skin Recovery SPF 50 e Pure Light SPF 50 utilizzano ingredienti che assorbono e trasformano i raggi UV in calore attraverso una reazione chimica. Questo tipo di protezione solare tende ad essere utilizzata perché risulta leggera e impercettibile sulla pelle ma meno adatta alle pelli sensibili e a quelle dei bambini.

      Quale crema solare usare

      Tutto dipende da quale formula ti piace di più. Noi di Dermalogica crediamo che qualsiasi crema solare sia meglio di niente per proteggere la pelle dai danni dei raggi UV. Ecco perché offriamo una vasta gamma di creme idratanti e filtri solari SPF che si adattano alle diverse preferenze ed ai diversi stili di vita. Per scoprire quale formula è giusta per te, consulta la nostra guida SPF o confrontati con i nostri Professional Skin Therapist.

      Articolo precedente Pelle luminosa: i 5 step fondamentali per un viso radioso
      Articolo successivo Le 4 skincare routine per ottenere una pelle sana
      x